Costi & Ricavi di un E-commerce.

Analizzare il Bilancio di un Ecommerce rappresenta una delle basi essenziali per una corretta gestione Aziendale e per dare una valore corretto a un brand che opera nelle vendite online.
L’ecommerce, e le Start Up ancora più che le aziende Retail, necessitano di formule più o meno complesse di controllo di Gestione. Per questo nei 10 anni di esperienza nella consulenza ecommerce ho cercato di capire e definirne il Conto economico. Il Bilancio di un Ecommerce è uno dei Numeri Chiave   per valutare un negozio online.

    1. Costi e Ricavi
I ricavi sono gli incassi di competenza di un periodo, mentre il fatturato è il valore delle fatture emesse. I due dati non necessariamente coincidono perché accade che il pagamento viene leggermente differito. Nelle vendite online lo scostamento avviene con i pagamenti in contrassegno o in bonifico (circa il 10% del totale Fatturato).  Nei Marketplace i Ricavi rappresentano una percentuale del volume d’affari corrispondente alla fee che viene attribuita alla società ecommerce o al marketplace per i servizi offerti.

     2. La Struttura delle voci di costo
Quali sono le voci di costo di un ecommerce e come possono essere classificate? Senza stravolgere la struttura delle imprese tradizionali, ma rivedendola ho distinto i costi tra 2 categorie:

  • Costi Diretti, ossia quelli direttamente e oggettivamente imputabili ad ogni singola vendita
  • Costi Indiretti, quelli che è possibile attribuire ad una vendita solo attraverso un criterio soggettivo di ripartizione

3.  Costi Diretti
Nel conto Economico di un ecommerce “puro”  le voci di costo dirette sono 3:

  • Il costo del Venduto. Sono i prodotti che vengono venduti dal sito ecommerce (ad esempio i vestiti, le scarpe, gli alimenti). Il costo da riportare nel conto economico è quello di ACQUISTO dai produttori o distributori senza IVA.
  • Spese di Spedizione. Sono i costi che riguardano la spedizione attraverso gli operatori di logistica (GLS; Bartolini, ecc.). Sono esclusi tutti i costi di logistica che riguardano la gestione del magazzino (spese del personale presente in magazzino, imballaggi, ecc.).
  • Transaction fee. Rappresentano le commissioni che Paypal o le banche richiedono su ogni transazione online. La percentuale di questo costo oscilla tra 1,5% (best case) e 2,3% (worst case).

4. Costi Indiretti
3 macro-categorie.

  • Costi in Advertising. Rientrano tutti i costi pubblicitari sia online (comparatori di prezzo, Google Adwords, remarketing, Affiliation marketing, ecc.) che offline (pubbliche relazione, partecipazione ad eventi, pubblicità su Radio, televisione, ecc.)
  • Costi del personale sia i dipendenti (a tempo determinato, indeterminato, part time, ecc.) che i consulenti appartenenti a tutte le aree aziendali (Management, Marketing, Amministrazione, Logistica, ecc.)
  • Costi Generali. Tutti i restanti costi tra i quali rientrano i canoni di locazione di uffici e magazzini, utenze (Luce, acqua e Telefonia, gas), Viaggi e trasferte, ecc.

 

Costi & Ricavi di un E-commerce.
Torna su